domenica 1 maggio 2011

Attenzione al falso antivirus che blocca il PC e chiede un riscatto


Torna a colpire ransomware, il virus che chiede il riscato e che nel 2006 infetto' i pc di numerosi utenti della rete. L'esistenza di una nuova versione del trojan e' stata rilevata dal Cnaipic della Polizia Postale. Si tratta di un tipo di malware, che blocca i computer con sistema operativo Windows, impedendone l'utilizzo finche' non si paga un riscatto. 

In quest'ultima versione per ottenere il codice di sblocco si deve telefonare al numero 899 021 233 che, al costo di 1,75 euro al minuto, reindirizza l'utente ad un altro servizio a pagamento, senza fornire alcun dato utile. Gli utenti italiani non sono i soli destinatari della truffa, perche' il 'malware' e' programmato per riconoscere la provenienza geografica e la lingua del suo obiettivo, pertanto sono previste numerazioni anche per utenti di Austria, Belgio e Svizzera. Inoltre, oltre alle attivita' di indagine volte ad identificare l'autore della truffa, e' stata avviata la procedura per l'inibizione dell'utenza 899 021 233, affinche' non vi possano essere ulteriori danni per gli utenti della rete.

Nessun commento:

Posta un commento