martedì 25 dicembre 2012

Siete protetti online? Infografica Trend Micro mostra attività a rischio


Con l'aumento delle persone che svolgono attività online, le minacce aquisiscono prevalenza e sofisticazione. La protezione di base contro le minacce che conoscevamo potrebbe non bastare per proteggerci contro i rischi di nuova generazione. Le minacce al giorno d'oggi non stanno aumentando solo in quantità, ma anche raffinatezza. La protezione di base a cui abbiamo fatto affidamento non è sufficiente contro le minacce di nuova generazione. A parte le imprese, i criminali informatici hanno sfruttato l'aumento drammatico del coinvolgimento online.

Insieme con la protezione antivirus e il rilevamento dei rootkit, la sicurezza social networking è un must in quest'epoca di interazione digitale. Gli utenti devono avere un buon servizio di reputazione Web per bloccare l'accesso a URL dannosi e configurare le impostazioni relative alla privacy nel loro account di social networking in modo da mantenere al sicuro le informazioni critiche. Una infografica Trend Micro mostra le attività quotidiane più a rischio, gli attacchi più diffusi e le azioni di protezione necessarie per affrontare le minacce di oggi. Siete protetti online?

INFOGRAPHIC: Siete Protetti Online?

Informazioni su Trend Micro
Trend Micro Incorporated (TYO: 4704;TSE: 4704), leader globale nella sicurezza per il cloud, crea un mondo sicuro nel quale scambiare informazioni digitali, fornendo a imprese e utenti privati soluzioni per la sicurezza dei contenuti Internet e la gestione delle minacce. Come pionieri della protezione dei server con più di 20 anni di esperienza, offriamo una sicurezza di punta per client, server e in-the-cloud che si adatta perfettamente alle esigenze dei nostri clienti e partner, blocca più rapidamente le nuove minacce e protegge i dati in ambienti fisici, virtualizzati e in-the-cloud. 

Basati sull’infrastruttura in-the-cloud Smart Protection Network™ di Trend Micro™, le tecnologie, i prodotti e servizi per la sicurezza bloccano le minacce là dove emergono, su Internet, e sono supportati da oltre 1.000 esperti di threat intelligence di tutto il mondo. Informazioni aggiuntive su Trend Micro Incorporated e su soluzioni e servizi sono disponibili su TrendMicro.it. In alternativa, tenetevi informati sulle nostre novità tramite Twitter all’indirizzo @TrendMicroItaly

Copyright © 1989-2012 Trend Micro Incorporated. All rights reserved.

lunedì 17 dicembre 2012

Trend Micro, nuovo studio previsionale su minacce per il 2013 e oltre


Trend Micro presenta il nuovo studio sulle minacce che metteranno a rischio la sicurezza delle aziende, dei dispositivi digitali e del cloud. Nel 2013 gli attacchi rivolti ai dispositivi Android, al cloud e ai dispositivi digitali diverranno più sofisticati e renderanno ancor più complessa la sfida contro il cybercrime, secondo quanto evidenziato nel report presentato oggi da Trend Micro Incorporated, leader globale nella sicurezza cloud. 

“Nel 2013 gli utenti incontreranno maggiori difficoltà nel gestire la sicurezza dei loro dispositivi digitali”, spiega Raimund Genes, CTO di Trend Micro. “La diversità di piattaforme, sistemi operativi e modelli di sicurezza contribuirà a rendere la protezione più difficile che mai”. Lo studio di Trend dal titolo “Security Threats to Business, the Digital Lifestyle, and the Cloud" porta alla luce le dieci principali minacce che il prossimo anno metteranno alla prova le aziende e gli utenti. Il report è scaricabile al seguente link

Ecco alcuni dei principali risultati evidenziati nel report: 

1. La minaccia più seria del 2013 sarà verosimilmente costituita dalle app nocive per Android che rappresentano un rischio elevato; secondo quanto previsto da Trend Micro il numero di queste app toccherà quota 1 milione, contro le 350.000 rilevate alla fine del 2012; 
2. Se da un lato il numero dei malware tradizionali per PC potrebbe ridursi nel corso del prossimo anno, dall'altro gli attacchi diretti ai dispositivi che utilizzano il sistema operativo Android sono destinati ad aumentare sensibilmente; 
3. La diffusione crescente di dispositivi digitali si tradurrà in malware dalle modalità nuove e inattese, che potrebbero ad esempio diffondersi attraverso le connessioni degli apparecchi televisivi e degli elettrodomestici; 
4. L'Africa sembra essere destinata a diventare il nuovo porto sicuro per le attività dei cybercriminali.


5. Il lento processo di adozione di Windows 8 in ambito aziendale poterà benefici per i consumatori , che il prossimo anno avranno a loro disposizione i miglioramenti alla sicurezza apportati al nuovo sistema operativo; 
6. I cybercriminali si indirizzeranno sempre più ai servizi cloud legittimi e gli attacchi rivolti al patrimonio dei dati si confermeranno tra le minacce più diffuse del 2013. Questo sarà dovuto in parte all’incapacità degli strumenti di sicurezza tradizionali di proteggere i dati nel cloud allo stesso modo che nello storage tradizionale; 
7. I consumatori utilizzeranno sempre più mix di piattaforme e dispositivi diversi, rendendone complessa la messa in sicurezza; 
8. Gli attacchi motivati da ragioni politiche avranno un impatto ancora maggiore nel 2013; 
9. Le minacce malware convenzionali registreranno un'evoluzione graduale, con pochi nuovi attacchi significativi che saranno però sostanzialmente più sofisticati e difficoltosi da rilevare; 
10. Le iniziative mirate a contrastare il cybercrimine globale si diffonderanno maggiormente, anche se saranno necessari ancora due o tre anni prima che possano raggiungere la piena implementazione. Lo scenario appare poco incoraggiante ma riserva comunque alcune prospettive positive. 

“La buona notizia è che questo rappresenta il momento ideale perché i responsabili della sicurezza definiscano nuovi standard e propongano soluzioni innovative, capaci di ripercuotersi sull'economia sommersa del cybercrime”, commenta Genes. Se questo si concretizzasse, il 2013 potrebbe essere ricordato come un anno di svolta nella lotta al cybercrimine. 


Informazioni su Trend Micro 
Trend Micro Incorporated (TYO: 4704;TSE: 4704), leader globale nella sicurezza per il cloud, crea un mondo sicuro nel quale scambiare informazioni digitali, fornendo a imprese e utenti privati soluzioni per la sicurezza dei contenuti Internet e la gestione delle minacce. Come pionieri della protezione dei server con più di 20 anni di esperienza, offre una sicurezza di punta per client, server e in-the-cloud che si adatta perfettamente alle esigenze dei nostri clienti e partner, blocca più rapidamente le nuove minacce e protegge i dati in ambienti fisici, virtualizzati e in-the-cloud.

Basati sull’infrastruttura in-the-cloud Smart Protection Network™ di Trend Micro™, le tecnologie, i prodotti e servizi per la sicurezza bloccano le minacce là dove emergono, su Internet, e sono supportati da oltre 1.000 esperti di threat intelligence di tutto il mondo. Informazioni aggiuntive su Trend Micro Incorporated e su soluzioni e servizi sono disponibili su TrendMicro.it. In alternativa, tenetevi informati sulle  novità tramite Twitter all’indirizzo @TrendMicroItaly.

Copyright © 1989-2012 Trend Micro Incorporated. Tutti i diritti riservati.

lunedì 10 dicembre 2012

Spam, Websense: arrivano letterine personalizzate da Scamta Claus


Con l'arrivo del Natale, Websense® ThreatSeeker™ Network ha rilevato un forte aumento delle email di spam che cercano di sfruttare Santa Claus. Mentre Santa Claus insieme agli elfi, alle renne e naturalmente al Signor Claus si stanno facendo strada tra la montagna di lettere e liste dei desideri provenienti dai bambini buoni di tutto il mondo, alcuni ragazzini cattivi che cercano di trarre vantaggio dalla sua corrispondenza. 

Affermano, infatti, di offrire servizi alternativi per garantire che i vostri ‘piccoli’ ricevano una risposta personalizzata da Santa Claus. Come spesso accade oggi nel mondo delle email non richieste, i link contenuti non rimandano a canali di comunicazione affidabili e approvati da Santa Claus. Facendo clic su link "Clicca qui" all'interno di questi messaggi si viene indirizzati a un sondaggio d'opinione, su misura per il browser da cui si sta visualizzando la pagina (qui l'immagine).


Piuttosto che chiedere i dettagli personali dei vostri bambini (che già da solo può determinare un’interessante argomento di discussione sulla sicurezza Internet e la condivisione di informazioni personali su siti Web casuali), probabilmente risulterete come i vincitori o potenziali vincitori di alcuni nuovi prodotti, il cui brand ricorda un frutto. Tutto quello che dovrete fare sarà compilare una ricerca o versare un'offerta.

"Gli scammer stanno utilizzando il tema natalizio per veicolare email di spam a vittime inconsapevoli. I siti Web che offrono lettere personalizzate da Santa Claus rimandano alla notifica di vincita di un premio desiderato. Inseriti i propri dettagli al posto di ricevere il premio o una lettera da parte di Santa Claus sarete inondati da email di spam da parte di truffatori che non hanno intenzione di realizzare i vostri desideri natalizi", ha dichiarato Carl Leonard, Security Research Manager presso Websense.


A proposito di Websense, Inc.
Websense, Inc. (NASDAQ: WBSN), leader globale nelle soluzioni per la sicurezza unificata dei contenuti del Web, della posta elettronica e dei dati, fornisce la migliore protezione contro le minacce più attuali al minor costo di gestione a decine di migliaia di imprese di ogni dimensione in tutto il mondo. Le soluzioni per la sicurezza unificata dei contenuti di Websense sono distribuite attraverso una rete internazionale di partner e fornite sotto forma di software, appliance e servizi SaaS (Security-as-a-Service), per aiutare le aziende a trarre vantaggio dai nuovi strumenti di business per le comunicazioni, collaborazione e Web 2.0, proteggendole dalle minacce più avanzate e persistenti, prevenendo la perdita di dati riservati e facendo in modo che gli utenti applichino correttamente le policy di sicurezza e di utilizzo del Web previste dall’azienda. Websense ha sede centrale a San Diego, California, e uffici dislocati in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.websense.com

Fonte: Websense

domenica 2 dicembre 2012

Misure di sicurezza per proteggere smartphone da minacce informatiche



Quando i cellulari erano più semplici e con le funzionalità limitate e precise, il potenziale bersaglio degli attacchi è stato molto limitato o quasi non esisteva. Senza accesso a internet, i cellulari non erano un obiettivo interessante per i creatori dei virus informatici. Purtroppo, oggi la realtà è diversa, siamo abituati ad usare gli smartphone per navigare in Internet, accedere ai social network e scaricare diverse applicazioni che sono a disposizione di tutti e ciò spiega perché gli sviluppatori di virus si concentrano su dispositivi mobili. 

Come giungono i virus informatici: La maggior parte dei virus installati finge di essere un'applicazione e invadere il computer quando l'utente esegue il download. Lo stesso succede con i cellulari. La cosa importante è non farsi prendere dal panico, ma di essere saggio, prendendo in considerazione alcune misure per proteggere i dispositivi da queste minacce. Come avere maggiore protezione: scaricate un antivirus dal negozio ufficiale. 

E 'importante che sia sempre un download sicuro dalla fonte sicura (per esempio da google play e non dai siti che si presentano come sviluppatori delle applicazioni). Modalità di protezione attivata: alcuni sistemi operativi come Android, hanno opzioni che bloccano l'uso del software scaricato da negozi non ufficiali. E' sempre consigliabile avere questa opzione attivata, se non sei un utente avanzato. Virus in SMS: non è consigliato aprire i link contenenti messaggi di testo da numeri sconosciuti. 

Richiesta di dati personali: mentre diversi sistemi operativi offrono, quando si installa un programma, un elenco di risorse che verranno utilizzati dall'applicazione, è preferibile diffidare quelli in cui sono richiesti dati personali. Ci sono perfino alcuni giochi che richiedono l'accesso alla rubrica telefonica. Precauzioni con bluetooth: È necessario essere molto cauti quando si scambiano file tramite bluetooth, specialmente se sono programmi e giochi. 

I siti sicuri: Come con i computer, è necessario assicurarsi di avere accesso a una pagina sicura quando si devono compilare i dati personali e / o finanziari. Controllare la bolletta: Si consiglia di controllare quando arriva la bolletta da pagare dal gestore di telefonia mobile per verificare se non ci sono spese extra per i messaggi ai numeri premium o le chiamate che realmente non sono state effettuate da voi. Backup: E 'molto importante mantenere sempre un backup di tutti i dati dalla memoria del telefono. 

Attenzione se si viaggia all'estero: si deve prestare attenzione quando si utilizzano le apparecchiature mobili all'estero con i dati internazionali di roaming. Oltre ai vitus, è il costo dei servizi effettuati, che puà essere molto alto. Aggiornamenti: E 'importante mantenere il sistema operativo smartphone aggiornato con la versione più recente. Alla fine, scaricare un antivirus è il metodo più sicuro per proteggere gli smartphone.

Fonte: Mobile Shop