sabato 23 novembre 2013

Classifica dei 10 siti più pericolosi compilata da G Data Security Labs


Nel passato il malware è stato utilizzato per essere diffuso tramite e-mail. In questi giorni, invece, sono i siti Internet a rappresentare il canale principale di distribuzione per worm, Trojan e altri pericoli simili. A questo scopo i cyber criminali manipolano siti esistenti oppure ne creano di nuovi per trasformarli in catapulte per lanci massivi di malware o trappole per il phishing.

lunedì 18 novembre 2013

Situazione in Siria e Croce Rossa usati da spammer per le loro truffe


Il conflitto attuale e la complessa situazione politica presente in Siria, hanno creato le condizioni perfette per la diffusione di nuove truffe “nigeriane”. Secondo i dati di Kaspersky Lab, negli ultimi mesi c’è stato un aumento del numero di messaggi nigeriani che contenevano riferimenti alla Siria. Gli spammer hanno inviato messaggi a nome di banche, organizzazioni umanitarie e privati. 

Il conflitto attuale e la complessa situazione politica presente in Siria, hanno creato le condizioni perfette per la diffusione di nuove truffe “nigeriane”. Secondo i dati di Kaspersky Lab, negli ultimi mesi c’è stato un aumento del numero di messaggi nigeriani che contenevano riferimenti alla Siria. Gli spammer hanno inviato messaggi a nome di banche, organizzazioni umanitarie e privati. 

In alcuni casi, i truffatori si sono presentati come membri della Croce Rossa Internazionale, riportando la triste storia di un commerciante di petrolio morto nel conflitto siriano, la cui fortuna è stata salvata da un dipendente della Croce Rossa. Il mittente quindi chiedeva aiuto per trasferire il denaro e successivamente per rintracciarlo. Al destinatario veniva promesso metà dell’importo e veniva fornito un indirizzo di posta elettronica personale per contattare i truffatori. 


Alcune delle email individuate dagli analisti di Kaspersky Lab sembrano essere state inviate utilizzando dei “comuni” nomi siriani e trattavano tematiche differenti. In uno di questi, un “insegnante siriano” chiedeva ai destinatari di aiutare alcuni bambini orfani che avevano ereditato una grossa somma di denaro dai genitori, mentre altre provenivano da persone che volevano donare del denaro e chiedevano ai destinatari aiuto nell’eseguire questa operazione. 

Tatyana Shcherbakova, Senior Spam Analyst di Kaspersky Lab, ha commentato: “Abbiamo individuato messaggi brevi in cui l'autore voleva semplicemente conoscere meglio il destinatario. Nei  testi dei messaggi ricorrevano di frequente termini come “politica”, “crisi” o “rivoluzione”. Dopo aver ottenuto l'attenzione del destinatario, i truffatori sfruttavano il desiderio delle persone di guadagnare soldi facili e la loro sensibilità nell’aiutare le persone in difficoltà. Gli utenti non dovrebbero rispondere a questi tipi di messaggi di posta elettronica, perché una volta entrati in contatto con un truffatore 'nigeriano’, si rischia di essere raggirati". 

Secondo i dati presenti nello spam report di settembre di Kaspersky Lab, l’Asia (59%) è rimasta la principale fonte regionale di spam e ​​il suo contributo è in aumento di 4 punti percentuali rispetto al mese precedente. L’Asia è seguita dal Nord America (20%), la cui quota è cresciuta di 2 punti percentuali, e dall’Europa dell’Est (12%), la cui quota invece è scesa di 2 punti percentuali. L’Europa Occidentale (4%) e l’America Latina (2,4%) chiudono le prime cinque posizioni.

lunedì 4 novembre 2013

Kaspersky Internet Security ottiene premio VB100 in test comparativo


Kaspersky Lab annuncia che Kaspersky Internet Security ha rilevato con successo il 100% dei campioni di malware durante il test comparativo VB100 condotto ad agosto da Virus Bulletin. La soluzione di sicurezza per gli utenti consumer è stata testata dall’autorevole pubblicazione su una macchina basata sulla versione a 32 bit di Windows 7 Professional SP1 Pro, come parte di un programma di test in corso su diversi sistemi operativi. 

Durante il test, Kaspersky Internet Security ha individuato e bloccato con successo il 100% dei campioni di malware, senza nessun falso positivo. Il malware utilizzato nello scenario comprendeva le minacce che al momento del test erano state utilizzate in attacchi malware reali. 

Gli esperti di Virus Bullettin hanno condotto anche un ulteriore test Reattivo e Proattivo, dove i prodotti partecipanti dovevano dimostrare la loro capacità di rispondere alle minacce emergenti, non ancora incluse nel database antivirus delle soluzioni di sicurezza. In questo test, Kaspersky Internet Security 2013 ha raggiunto il 90,85%, mentre la media dei risultati è stata di 83,14%.


A seguito di questi importanti risultati, il prodotto Kaspersky Lab ha ricevuto un riconoscimento VB100. “Il premio VB100 è un ulteriore riconoscimento dell’efficacia delle nostre tecnologie antivirus. La nostra priorità è proteggere gli utenti dalle minacce Internet emergenti. Kaspersky Internet Security 2014 integra due tecnologie proattive, ZETA Shield e Automatic Exploit Prevention, che sono in grado di contrastare le minacce sconosciute”, ha dichiarato Oleg Ishanov Head of Antivirus Research di Kaspersky Lab. 

Il test comparativo VB100 è stato effettuato su un dispositivo basato su Windows 7 equipaggiato con Kaspersky Internet Security 2013. Ad agosto, Kaspersky Lab ha realizzato una versione aggiornata del prodotto che integra tutte le caratteristiche delle versioni precedenti, oltre ad ulteriori tecnologie avanzate. 

Kaspersky Internet Security viene sottoposto regolarmente a test indipendenti. A maggio, i laboratori indipendenti Dennis Technology Labs hanno nominato la soluzione come il migliore prodotto di protezione per gli utenti. I prodotti Kaspersky Lab ricevono regolarmente riconoscimenti anche da altre organizzazioni come AV-Comparatives e AV-TEST.


Fonte: Kaspersky