mercoledì 21 marzo 2018

Facebook e Cambridge Analytica, Mozilla: più impegni sulla privacy


In seguito alla debacle di Cambridge Analytica, Facebook è stato criticato a lungo non solo per la sua gestione della situazione, ma anche per il suo atteggiamento nei confronti della privacy in generale. Le critiche arrivano non solo dagli utenti, ma anche dai politici e dalle aziende tecnologiche. L'ultima azienda a parlare è Mozilla, l'organizzazione non profit dietro il browser libero Firefox, che ha lanciato una petizione per cercare di fare pressione su Facebook per rendere le sue app più private. In Italia anche l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) vuole vederci chiaro sulla vicenda.

Dopo che è stato rivelato che i dati personali di 50 milioni di utenti di Facebook sono stati condivisi senza consenso, Mozilla sta richiamando il social media per garantire che la privacy degli utenti sia protetta di default, in particolare quando si tratta di applicazioni. Intanto si è dimesso il responsabile della sicurezza delle informazioni di Facebook, Alex Stamos, che ha parlato di "disaccordi interni" su come affrontare il caso e su come i vertici del social network, tra cui il direttore operativo Sheryl Sandberg, hanno gestito la questione dell'uso non autorizzato dei dati. Ashley Boyd, vice president of advocacy di Mozilla, afferma che miliardi di utenti di Facebook sono inconsapevolmente a rischio di trasmettere i propri dati a terzi.


In un post sul blog parla di ciò che è stato soprannominata "la più grande violazione dei dati" del gigante dei social media. "Facebook sta affrontando molte domande al momento, ma una cosa è chiara: Facebook deve agire per assicurarsi che questo non accada di nuovo. Mozilla chiede a Facebook di modificare i permessi delle app e garantisce che la privacy degli utenti sia protetta per impostazione predefinita. E stiamo chiedendo agli utenti di stare con noi firmando la nostra petizione", dice Boyd. La petizione, disponibile a questo indirizzo, non fa molte richieste specifiche o suggerimenti particolari sui passi che Facebook dovrebbe intraprendere, ma dice che il social network ha bisogno di intensificare la tutela della privacy e rispettare i suoi utenti.


Tra le autorizzazioni predefinite che Facebook offre alle app di terze parti vi sono i dati della propria formazione e lavoro, la città corrente e i post sulla cronologia. "Le attuali autorizzazioni delle app di Facebook lasciano vulnerabili miliardi di utenti senza saperlo. Se giochi, leggi notizie o fai dei quiz su Facebook, è probabile che tu stia facendo quelle attività tramite app di terze parti e non attraverso Facebook stesso. Le autorizzazioni predefinite che Facebook offre a quelle terze parti attualmente includono i dati della tua formazione e lavoro, la città corrente e i post sulla tua cronologia. Chiediamo a Facebook di modificare le sue politiche per garantire che terze parti non possano accedere alle informazioni degli amici di chi usa un'app", aggiunge.

"In Mozilla, il nostro approccio ai dati è semplice: niente sorprese e la scelta dell'utente è fondamentale. Noi crediamo in questo non solo perché rende buoni i prodotti, ma perché la fiducia è un fattore chiave nel mantenere Internet in buona salute. Internet è trasformativo perché è un luogo da esplorare, trasformare, collegare e creare. La fiducia è la chiave per questo. Stiamo spingendo Facebook a migliorare le sue pratiche sulla privacy non solo per i suoi 2 miliardi di utenti, ma anche per la salute di Internet in generale", conclude Boyd. Cambridge Analytica, propaggine di SCL Group, un provider che afferma di lavorare su una pluralità di settori differenti, è stata creata intorno al 2013 inizialmente con un focus sulle elezioni americane.


Nessun commento:

Posta un commento